Covid-19, a gennaio in arrivo i primi vaccini

Covid-19, a gennaio in arrivo i primi vaccini

Notizie Principali | Notizie Territoriali

21/12/2020



La Conferenza Stato-Regioni ha avallato il piano vaccini contro il Covid-19 presentato negli ultimi giorni dal Commissario per l'emergenza, Domenico Arcuri, e si prevede che nei primi giorni di gennaio partirà la vaccinazione di massa.

Secondo quanto riportato da alcune testate di informazione, il Commissario dovrebbe inviare alle Regioni, già in questa settimana, delle linee guida per il vaccino con le indicazioni per la procedura di somministrazione.

Si inizierà con la vaccinazione, prima, degli operatori sanitari e sociosanitari, del personale operante nei presidi ospedalieri, pubblici e privati, e poi degli ospiti e del personale delle residenze per anziani.

Se l'Ema nella riunione in programma il 21 dicembre darà il via libera al farmaco della Pfizer, già da dopo Natale si inizierà con la somministrazione. Si partirà inizialmente con 1.833.975 dosi di vaccino anti Covid-19 che verranno distribuite da Pfizer e inviate alle Regioni.

Per quanto riguarda l'efficacia del vaccino Pfizer-BioNtech, già autorizzato e somministrato in Gran Bretagna e Canada, sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine i risultati scientifici della sperimentazione effettuata su 21.720 volontari.

Da quanto riportato nel documento questo vaccino ha avuto un'efficacia circa del 95% (con un intervallo compreso fra il 90,3% e il 97,6%). Fra gli eventi avversi si sono osservati dolore nel sito dell'infezione, da lieve a moderato e temporaneo, affaticamento e mal di testa. La sperimentazione è stata effettuata su persone dai 16 anni in su che hanno ricevuto due dosi a distanza di 21 giorni. Le reazioni avverse gravi si sono verificate in pochissimi casi e sono stati più frequenti dopo la seconda dose e generalmente meno frequenti nei partecipanti di età superiore ai 55 anni (≤2,8%) rispetto ai partecipanti più giovani (≤4,6%). La frequenza di eventi avversi gravi è stata bassa (<0,5%).
Questi dati sono sicuramente promettenti e ci fanno ben sperare.