Quota 100 ed emergenza Covid-19, estesa la cumulabilità dei redditi per il personale sanitario

Quota 100 ed emergenza Covid-19, estesa la cumulabilità dei redditi per il personale sanitario

Notizie Principali | Notizie Territoriali

25/06/2020



L'Inps con la circolare numero 74 del 22 giugno 2020 fornisce indicazioni relative alle misure introdotte in materia di cumulabilità della pensione "quota 100" con i redditi da lavoro autonomo, derivanti dagli ulteriori incarichi conferiti e connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19 ai dirigenti medici, veterinari e sanitari, al personale del ruolo sanitario del comparto sanità, nonché agli operatori socio-sanitari già in quiescenza, a cui siano stati conferiti incarichi di lavoro autonomo e di collaborazione coordinata e continuativa.

Per la generalità dei lavoratori, chi sceglie il pensionamento con la quota 100 ha il divieto di cumulo tra redditi da pensione e redditi da lavoro, ad eccezione dei redditi da lavoro autonomo occasionale nei limiti di 5mila euro lordi annui. 

Nel caso del personale sanitario andato in pensione con la quota 100, che è tornato in servizio per contrastare l'emergenza sanitaria COVID-19, invece sarà possibile cumulare i redditi con la pensione.

Naturalmente il reddito da lavoro autonomo, per il quale non opera il divieto di cumulo, deve riferirsi esclusivamente all'attività lavorativa prevista dal citato articolo 2-bis, comma 5, la cui durata non deve essere superiore ai sei mesi, e comunque entro il termine dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19.

Al fine di erogare senza soluzione di continuità il trattamento pensionistico "quota 100", in presenza di redditi da lavoro autonomo connessi agli incarichi conferiti per il potenziamento del Servizio sanitario in relazione all'emergenza COVID-19, gli interessati sono tenuti a comunicare alle Strutture territoriali Inps competenti , attraverso gli indirizzi di posta elettronica istituzionale o di posta elettronica certificata delle medesime, di avere ripreso l'attività lavorativa in forma autonoma, anche come collaborazione coordinata e continuativa per emergenza da COVID-19, indicando la durata del relativo incarico.

Al termine dello stato di emergenza sanitaria, gli stessi dovranno integrare tale comunicazione allegando il modello “AP139”, unitamente alla documentazione attestante il conferimento dell'incarico ai sensi della richiamata normativa.